Per pubblicare le tue foto sul sito del Club Alpino Italiano - Sezione di Cesena inviale alla mail caicesena@gmail.com indicando l'autore, la data, e l'evento in cui sono state scattate.

20,21/09/2012

Organizzazione Maurizio Pavan


.

TRE RAGAZZI SCAPESTRATI, PIU UNO

Era un po’che durante le uscite settimanali del gruppo Senior, si parlava di FERRATE, un’ esperienza nuova per alcuni di noi. Un progetto che era iniziato a fine Primavera, ma che per motivi vari non era andato in porto. Poi ai primi di Settembre tutto si rimette in moto, e in due e due quattro si decide la data, il 20-21 Settembre, e la zona, il Lago di Garda. Si apre la lista delle adesioni, aderiamo in tre, Wilmer Forti, Paolo Ceccopieri, e Io, tutti e tre alla prima esperienza di FERRATE, più Maurizio Pavan , L’ideatore e l’unico con esperienza. Rimediata da amici l’attrezzatura da FERRATA, il Giovedì 20 Sett. di buon’ora partiamo alla volta di San. Valentino, un piccolo villaggio sulle pendici del Monte Baldo, ormai ridotto a centro di villeggiatura prevalentemente estiva. Parcheggiata l’auto iniziamo la nostra passeggiata di riscaldamento, cosi ce l’aveva descritta Maurizio, verso il Monte Altissimo.


La passeggiata, di riscaldamento, si rivelerà un vero e proprio Trekking

 

 

Con un dislivello di più di 1000MT 

 

 

e

 

 

una durata di oltre 8 ore. Fortunatamente la tappa fatta al Rifugio Altissimo

 

 

ci concede un po’ di riposo, un buon pasto, e una simpatica scenetta

 

 

Tornati all’auto, belli caldi, andiamo a Riva del Garda

 

 

Dove un buon pranzo, in un caratteristico locale, e poi un comodo letto per riposare le stanche membra, ci rimetteranno in forma.

La notte passa veloce e alla mattina, con i muscoli belli caldi dalla passeggiata del giorno prima, montiamo in macchina e raggiungiamo il Monte Pasubio, dove inizia la FERRATA “Falcipieri”. Dopo la foto di inizio escursione

 

 

iniziano i primi problemini. Nessuno di noi tre aveva mai indossato un’imbragatura da FERRATA

 

 

e

 

 

Maurizio, l’unico con esperienza di FERRATE, ci consiglia e aiuta ad indossare l’attrezzatura, controllando anche che tutto sia in ordine. Un po’ titubanti iniziamo la FERRATA “Falcipieri”

 

 

E Aiutandoci l’un l’altro

 

 

Con consigli dove mettere i piedi

 

 

Le mani

 

 

E i moschettoni

 

 

Sempre sotto l’occhio vigile di Maurizio. Dopo 4 ore raggiungiamo la vetta, Cima Forni Alti

 

 

Poi ancora una breve passeggiata e il Rifugio Gen. Papa ci accoglie col suo tepore e con un piatto di minestrone

 

 

Dopo esserci un po’  riposati, facciamo un giretto fino alle  “Porte del Pasubio”

 

 

e

 

 

per poi iniziare il rientro attraverso la strada militare detta “delle 52 gallerie”

 

 

La strada si rivelerà  più faticosa e disagevole della FERRATA fatta in mattinata, piena di ciottoli e sassi, che rendono instabile il passo e affaticano caviglie e ginocchia

 

 

Alcune gallerie che attraversiamo sono veramente suggestive,  molto lunghe, e il caschetto è indispensabile per non urtare il soffitto.  Poi , circa a metà strada incontriamo diversi Camosci che per niente spaventati, si fanno comodamente fotografare

 

 

Raggiunta l’auto, quando il sole allunga le ombre, soddisfatti torniamo a casa. Il Martedì successivo, giorno di escursione del gruppo Senior, i 4 partecipanti all’avventura si sono detti pronti ad affrontare un’altra FERRATA, è Come dei

RAGAZZI SCAPESTRATI
Non vedono l’ora di partire per una nuova avventura.

 

 

Foto {flickr set=72157632191768130}

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.