IL FUMAIOLO - Giugno / Settembre 2019

E' disponibile per il download la versione digitale in PDF del nostro bollettino periodico  'IL FUMAIOLO' relativo al periodo Giugno / Settembre 2019

«in copertina: Sulle colline bertinoresi
foto: Michele La Maida»

Sommario dei principali contenuti:

  • Editoriale
  • Rete sentieristica e tratto romagnolo del Sentiero Italia
  • Lotta con l'Alpe
  • Camminare la vita
  • Accade che tre professori...
  • Programma Giugno - Settembre 2019
  • Vita della Sezione
  • Dalla Segreteria
  • Montecodruzzo

 Il fumaiolo è disponibile a questo collegamento 

 

Proposte escursionistiche del mese di Maggio in evidenza

Guarda l'elenco completo in Programma Attività o nel calendario a piè di pagina

 

 

Senior inFEST 2019


Guarda l'elenco completo in Programma Attività o nel calendario a piè di pagina

 

 

Proposte in evidenza: escursioni plurigiornaliere estate 2019


 

Escursionismo - Trekking nel Parco Reg.le delle Madonie

18/05/2019

Per registrarle nell’archivio dei ricordi, pubblichiamo un sintetico album di immagini che hanno visto protagonisti 18 soci nella settimana di trekking nel Parco delle Madonie in Sicilia tenutosi dal 11 al 18 maggio 2019. Come in altre occasioni un grazie particolare va indirizzato agli organizzatori locali e fra costoro Diego e Vincenzo (guida di Palermo) per avere condotto il gruppo di Cesena, con professionalità e cortesia, alla scoperta di luoghi suggestivi e pieni di fascino. I partecipanti hanno così potuto trascorrere, nonostante una primavera che si è fatta riconoscere solo a tratti, giorni bellissimi immersi in un verde che sfociava nel blu, contornato di guglie e punteggiato di castelli, respirando (nelle giornate di sole) un'aria dai tanti profumi mediterranei. Nel susseguirsi di ambienti naturali e storici vogliamo ricordare sinteticamente: Petralia Soprana, il più alto paese delle Madonie. Le origini di Petralia si suppone che risalgano all'antica Petra, città fondata dai Sicani. Paese che conserva ancora oggi la struttura urbanistica di tipo medievale con le tipiche stradine che si snodano tra palazzi nobiliari e chiese, con le piazze circondate da suggestive costruzioni che si affacciano a meravigliosi belvedere. Piano Pomo, Cozzo Luminario, punto panoramico sopra il centro abitato di Castelbuono e poi  Pizzo Carbonara che per i suoi quasi 2000 m. è la vetta più alta delle Madonie e 2^ cima della Sicilia dopo l’Etna. Ed anche il Santuario della Madonna dell’Alto e il Monte dei Cervi cui vi si accede passando per il piccolo lago  di Piano Cervi dove si possono osservare numerose specie endemiche di farfalle presenti sulle Madonie: Portella della Ginestra, in un bene confiscato a Brusca e gestito dalla cooperativa Placido Rizzotto del circuito Libera Terra; I Paesi di Collesano, Gratteri, Isnello ed infine Cefalù incluso fra “I Borghi più belli d’Italia” con i suoi gioielli di architettura normanna ovvero la Rocca e il Duomo.
Foto di Alfredo Rossi

 

galleria fotografica

 

 

 

Escursionismo - Al Monte Castelluccio - 17/02/2019

17/02/2019

Nonostante il breve preavviso con cui l’effettuazione dell’escursione (originariamente non prevista) è stata divulgata, un buon numero di partecipanti (31) , tra cui diversi benvenuti nuovi adepti, si è presentato all’appuntamento all’Ippodromo con il sempre più che affidabile e disponibile Mimmo Staglianò, che si è avvalso dell’ausilio di Pierangelo Donati, per poi portarsi in località Cà di Veroli, punto di partenza di una escursione che si è confermata come bellissima anche per effetto della splendida giornata decisamente primaverile nonostante la data.
Il gruppo, dopo un tratto in leggera salita sul sent 213A, si è poi faticosamente inerpicato sul bellissimo crinale (sentiero non segnato CAI) che porta alla erta finale del Monte Castelluccio (1115 m), godendo degli splendidi panorami sulla valle di Pietrapazza a destra e sulla Valle del Rio Salso a sinistra. Dal punto sommitale del percorso, dopo la gradita solita pausa con pranzo al sacco, ci si è poi diretti per stradello in direzione del Monte Piano che però non si è raggiunto in quanto prima si è svoltato a sinistra per percorrere la bella mulattiera che , attraversando le località Valcitura, Tassinara , Pian della Noce Cà Val d’Acero con i bellissimi ruderi testimonianti l’attivissima presenza dell’uomo in questa valle sino a tempi poi non molto remoti, ci ha portato alla località Rio Salso con i resti della bella chiesa e le costruzioni del Palazzo Giannelli ottimamente restaurati ma purtroppo ora inutilizzati. Il sentiero 213 ha poi accompagnato il gruppo, passando da cà Riacci, sino al bivio per Ponte del Faggio. Con il 213A (già percorso all’andata) si è poi ritornati alle auto a Cà di Veroli.
Caimmi Gino
Foto Caimmi Gino , Mauro Giacomini

 

galleria fotografica

 

 

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Sentieri CAI Cesena

Cesena Cammina

 

 

 

I Senior del CAI di Cesena alla riscoperta dell'Appennino Tosco-Romagnolo

Le lunghe escursioni riservate ai soli Soci CAI