Per pubblicare le tue foto sul sito del Club Alpino Italiano - Sezione di Cesena inviale alla mail caicesena@gmail.com indicando l'autore, la data, e l'evento in cui sono state scattate.

21-24/04/2016

Organizzazione Pasqua Presepi
 
 
 

galleria fotografica

 

Il ciclone Medusa per quattro giorni non ci ha dato tregua, ha provato a fermarci, ma ancor più determinati di Perseo, l’abbiamo ignorato e ci siamo divertiti alla grande. Dal riparo Sottoroccia di Sfinalicchio con le sue antiche incisioni fino alla vetta del Monte Calvo. La cima, conquistata a piedi su percorsi delimitati da file di pietre, è particolare e spoglia, circondata da foreste sulle pendici e ricoperta di prati e arbusti. Sulla vetta la pioggia ci ha raggiunto e la nube, come prendendosi gioco della nostra determinazione, ha nascosto la visione panoramica, ma non l’incanto del cammino.

 

Una variopinta esposizione della natura con le sue doline e le orchidee spontanee e nell’aria un profumo così intenso e caratteristico che nemmeno le macchine fotografiche sofisticate dei nostri Riccardo e Alessandro sono riuscite a catturare.
Siamo fuggiti per discese impervie, abbiamo tagliato l’originario percorso e raggiunto un altro tipo di esposizione meno naturale e meno profumata.La nuova Chiesa di Padre Pio con i suoi mosaici dorati, sfoggio di ricchezza e bellezza che forse contrasta con il pensiero semplice del Santo ma che, opinioni a parte, vedremo come opera d’arte nei secoli futuri.

Nella passeggiata sul litorale il maltempo si è ritirato forse impietositosi pure lui, lo si sentiva in lontananza affilare le armi, rumoreggiare contro la nostra forza e vivacità. Un sole a piena potenza sulla costa di Manaccora che si snodava stupenda e si perdeva in lontananza.
L’abbiamo percorsa per spiagge e collinette superando scogli, baie, strani ragni da pesca chiamati trabucchi, fotografando grotte marine e torri di avvistamento.
Un angolino per il pasto, un bagno per l’impavida Carmen e poi via più veloci per sfuggire ancora una volta al rovescio che incombeva e rumoreggiava pronto a lanciare le sue saette da guerra. Ci ha raggiunto a Peschici, ma non ci ha impedito di ammirare il caratteristico paesino con le sue casette bianche, i magnifici sfondi, i tipici negozietti. Regalandoci un ricordo della città più unico che raro visto che un acquazzone del genere avviene ogni cambio di Papa.
La sera alla mancata sagra delle arance a Rodi rinviata per, guarda caso, maltempo, alcuni di noi fra arance, limoni e sangria si sono scatenati nella tarantella, riempiendo di allegria e spensieratezza alcuni angoli di questo borgo di pescatori.
Ma il vero clou della festa di Medusa ci ha colpito all’interno della Foresta Umbra.

Ascolta. Piovedalle nuvole dense.Piove sui faggi secolari e folti,Piove sui pini d’Alepporigogliosi e imponenti,e sulle pietre di selce compatte e tenacipiove sul tritone alla fonte e sui ponticellileggeri“Piove sui freschi pensieriche l’anima schiudenovellasulla favola bellache ieri, oggi e domani”permane

Il nemico non ci ha fatto vedere il sole filtrare e colorare le foglie e l’ambiente, ma abbiamo ammirato la forma delle piante, le goccioline sospese, la fonte, il ponticello. Abbiamo scovato il tritone italico placido nella sua pozza d’acqua e indifferente al diluvio. Bagnati fino alle mutande ci siamo cambiati e abbiamo gustato al rifugio le prelibatezze locali, soprattutto il vino che ci ha fatto ridere e cantare, mentre Carmen, con la sua ironia, ci faceva spanciare dalle risate.
Così, sulla via del ritorno, la pioggia se n’è andata, sconfitta o forse sfinita di accanirsi sul povero gruppo CAI e il sole è tornato a scaldarci più splendente che mai.
Nei nostri cuori oltre a baie, grotte marine, torri, intensi profumi, splendidi fiori, panorami mozzafiato … e, sullo sfondo, le Tremiti e le isole croate, rimangono i tanti nuovi amici, simpatici, allegri, speciali. Trenta e lode alla nostra organizzatrice Pasqua che ci è sempre stata vicina e anche se non ha partecipato a qualche escursione ci ha seguito ovunque con la sua ala protettrice, alla guida Pietro esempio di professionalità e cordialità, al nostro autista capace e simpatico.
Viva il CAI che ci fa divertire, conoscere e insegna soprattutto a noi giovani come vivere e rispettare la natura. Viva il CAI esempio di divertimento sano al 101%
Ciao a tutti e alla prossima 

Testo: Martina Zoli Fotografia e aiuto revisione testo: Riccardo PaoliniAssistenti: Anna MontaglianiAlessandro Pistocchi


P.S: per le riprese delle umide giornate rimandiamo la visione su YouTube canale Riccardo Paolini.

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.