Per pubblicare le tue foto sul sito del Club Alpino Italiano - Sezione di Cesena inviale alla mail caicesena@gmail.com indicando l'autore, la data, e l'evento in cui sono state scattate.

12/1/2014

Organizzazione: Andrea Ambroni

Foto e report: Maurizio Prati - Mario Alai

Sullantica via dei legni 12 gen. 14 016 FILEminimizer

Resoconto della giornata

La giornata non era iniziata bene: non era suonata la sveglia di Andrea, ma dove era suonata le proprietarie (vedi Simona e Lucia) si chiedevano seriamente: ma chi me lo fa fare di alzarmi? Bene o male sulle 8,20 ci ritroviamo al fatidico parcheggio della Conca Verde, tutti in ottima forma: Mario convalescente, Ettore reduce da disturbi gastrointestinali, Simona raffreddata, Lucia influenzata, Elisabetta all’ottavo mese di gravidanza.

Chissà cosa ci faceva uno sano come Maurizio in mezzo a noi! Si parte dunque sotto i migliori auspici: percorreremo la Via dei Legni! Chissà perché si chiama così. Essendo attesi solo per l’una al rif. Asqua per un lauto pranzo,  facciamo anzitutto tappa a Camaldoli per una seconda colazioncina (a base di crostatine, dolcetti di castagne e castagne lesse calde). Alle 10 siamo al Montanino, balziamo in sella, Elisabetta balza al volante: chi arriverà prima al rifugio? Lei prende a sinistra per la strada, noi a destra per il “sentiero dei tedeschi” (CAI n. 94), single track dall’ottimo fondo, pianeggiante che sembra fatto a livella, ma in continua esposizione sulla scarpata, perché segue la curva di livello sul versante piuttosto ripido. Nulla di male, basta fare attenzione … finché un albero caduto sbarra il sentiero: bisogna scendere sollevare la bici, scavalcare. Dopo 50 m. un altro. Poi altri tre a fila: doppia gabbia, sembra di stare al concorso ippico: ma noi siamo i cavalli! E via così, ne contiamo una decina… poi un’altra … pare che le forti piogge e il gran vento del novembre scorso abbiano fatto una strage. Ormai non li contiamo più, ma quando alla fine siamo al Poggio Segaticcio, ci siamo fatti i bicipiti alla Braccio di Ferro, siamo mezz’ora in ritardo sulla tabella di marcia, e … abbiamo scoperto perché si chiama la Via dei Legni! Invece no: la via dei Legni incomincia solo ora:  una ripida traccia in discesa, questa invece che taglia le curve di livello quasi a perpendicolo. Scende dall’alto del crinale, e serviva per il trasporto dei grandi tronchi della foresta fino a Pratovecchio, da dove sull’Arno venivano fatti galleggiare fino al Firenze per la fabbrica del Duomo, e a Pisa per le costruzioni navali. I tronchi erano trainati dai gioghi di buoi, che infatti non ci hanno lasciato un percorso molto in ordine: il fondo accidentato e sassoso ci obbliga a scendere a piedi per una ventina di minuti. In certi punti la pendenza è tale che i tronchi sarebbero partiti in caduta libera travolgendo i buoi davanti a loro, se non fossero stati opportunamente frenati con robusti canaponi fatti scorrere attorno a grossi alberi circostanti. Divallati per circa 250 m. di dislivello, giungiamo a Valagnesi, piccolissimo e suggestivo borgo in pietra, oggi amenamente restaurato. La giornata è magnifica, il sole ci accompagna occhieggiando tra gli alberi, e di qui godiamo bei paesaggi sul Casentino, la vallata dell’Arno, e il Pratomagno. Ma la fame ci spinge a  proseguire senza interruzioni verso la tavola, che troveremo al rif. Asqua, a mezz’ora di strada bianca in dolce salita. Qui i simpatici rifugieri, una famigliola di babbo mamma e tre bimbette, ci attendono con gustosi antipasti di crostini misti, due portate di tagliatelle, al cinghiale e ai tartufi, e caffé della moka. Dopo ci vorrebbe una buona siesta per digerire, ma non possiamo prolungarla troppo, perché abbiamo ancora 3-4 km di salita, comunque sempre lieve e dall’ottimo fondo. In cima troviamo lo stagno, dove tra erbe palustri, alberi emergenti dall’acqua e tronchi caduti albergano i tritoni e altre specie fluviali. Poi con 1 km di discesa siamo alle auto. La pedalata pomeridiana non è bastata a digerire il pranzo, quindi sulla via del ritorno nuova sosta a Camaldoli, per un digestivo caldo. Doverosa anche una visita alla cinquecentesca Farmacia dei monaci, per rimirare le antiche ceramiche e approvvigionarci del famoso Laurum a 45°, fatto con le erbe della foresta. Risaliti in auto si scende alla statale e si risale a valicare i Mandrioli.  Di qui, prima che cali del tutto il buio, facciamo in tempo a osservare lo spettacolo delle vette che nel cielo blu svettano dal materasso di nebbia, steso 100 metri più in basso.

                                                                           Mario Alai

Sullantica via dei legni 12 gen. 14 022 FILEminimizer

Sullantica via dei legni 12 gen. 14 029 FILEminimizer

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.