Per pubblicare le tue foto sul sito del Club Alpino Italiano - Sezione di Cesena inviale alla mail caicesena@gmail.com indicando l'autore, la data, e l'evento in cui sono state scattate.

10/3/2013

Foto e organizzazione: Maurizio Prati - Andrea Ambroni - Mario Alai

Careste 10 mar. 13 015 FILEminimizer

Resoconto della giornata

Ci ritroviamo all’ippodromo alle 8 Andrea, Maurizio, Simona, Elena, Cristina e Mario, e partiamo in auto per Sarsina, dove lasciamo le auto. Sosta caffè nella piazza della magnifica millenaria cattedrale romanica di San Vicinio.

Trascuriamo però di entrare per l’imposizione del famoso collare … che col senno di poi non sarebbe stato male.  Per cominciare pedaliamo 4 km sulla statale verso S. Piero, fino al ponte della Marianna, di qui ripida stradina a destra che in 200 m. porta a Valbiano. Passati oltre diminuisce la pendenza e la strada diventa inghiaiata e in parte lastricata a sasso, perché un tempo connetteva diverse chiesette, riferimento dei casolari sparsi sulla montagna, ora tutte abbandonate e in rovina. Qualche nube e più che altro un bel sole, la temperatura ormai primaverile. In costante ma dolce salita oltrepassiamo Ruscello, lasciamo a sinistra il sentiero per il sovrastante Monte Facciano, e intanto la visuale si allarga, mostrandoci prima il monte di Perticara, poi San Marino, il Carpegna, il Comero e il Fumaiolo. Ai 764 m. di Monte Pietra raggiungiamo il culmine della salita, donde si vede anche il mare. Proseguiamo per saliscendi sul crinale, fino che un segnale indica a sinistra la chiesa di Careste. Sono 100 m. di erto sentiero, lungo il quale solo Andrea e Maurizio ardiscono trascinarsi la bici, per poi rifarlo in discesa. La chiesetta ha oltre 900 anni, e … li dimostra tutti: praticamente solo l’elegante facciata, che guarda verso valle, è ormai in piedi, seriamente lesionata. Il cocuzzolo è così aguzzo che non c’è posto per altro,  e secondo una relazione del 1602 qui tira il vento così forte che la chiesa fu costruita senza finestre, e spesso il prete doveva celebrare con la porta chiusa, perché il vento non spegnesse le candele. Adesso però si sta benissimo, e sui gradini, sotto il tiepido sole, gustiamo la spianata del premiato forno Casalboni. Salutiamo un simpatico giovane col metal detector, alla ricerca di tesori sepolti … in questi luoghi antichi e remoti quasi non farebbe meraviglia trovarne davvero! Poi riscendiamo, Andrea a velocità supersonica e con doppio salto mortale carpiato. Ripresa la strada continuiamo la discesa verso San Salvatore e Montalto, sbucando sulla statale nei pressi delle Marmitte dei Giganti, 500 m. da Sarsina. Splendida giornata! P.S. E’ stata anche la giornata degli inconvenienti. Alla partenza, lungo l’E45, Andrea mi dice: la vedo scura … Rispondo: beh, certo, ci sono un po’ di nuvolosi, ma forse si aprirà. Ma Andrea parlava della situazione politica: meglio lasciar perdere. Gli inconvenienti di oggi non saranno meteo, ma meccanici. Subito dopo infatti inconveniente meccanico al portabici posteriore di Maurizio: la bici di Cristina crede che siamo arrivati e decide di scendere. Per fortuna resta appesa per le ruote, nulla di rotto! Più tardi, a giro ormai concluso, nei pressi di Montalto, è la ruota di Elena  che decide di essere ormai arrivata, scaricando bruscamente la padrona. Ne segue un diverbio tra quest’ultima e il fondo stradale, ma Elena ha quel che si dice una bella faccia tosta, e l’unica  conseguenza è un’imprevista tappa al Pronto Soccorso di Mercato Saraceno, sulla via del ritorno,  per una rapida medicazione e incerottatura.                                                        

                                                                                   Mario Alai

 

Careste 10 mar. 13 026 FILEminimizer

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.